Quali sono i benefici delle fasce posturali?

Spesso assumiamo inconsapevolmente posizioni scorrette o innaturali, sedute d’avanti al PC o per molte ore in macchina, ciò provoca inevitabilmente effetti negativi a carico della colonna vertebrale.

Affidarsi ad un reggiseno o una fascia posturale può abituare la colonna ad acquisire una postura corretta e, conseguentemente, ridurre i dolori a collo, schiena e spalle. Le fasce posturali possono essere utilizzate sia nelle attività sportive che di vita quotidiana, sono facili da indossare e invisibili sotto agli abiti. Con un’azione retropulsiva delle spalle sostengono e modellano senza comprimere, lasciando piena libertà di movimento. Tutti possono trarre beneficio dall’utilizzo delle fasce posturali, per scegliere l’articolo più adatto alle tue esigenze vieni da Ortocenter di dott.ssa Zungri Annamaria, nelle nostre sedi troverai un vasto assortimento e personale qualificato per una consulenza gratuita.

STAMPA QUESTO COUPON PER OTTENERE SUBITO UNO SCONTO DEL 5% SULLE FASCE POSTURALI

Ortocenter – Ortopedia Napoli – Biofreeze e la Terapia del Freddo

Ortocenter – Ortopedia Napoli tra i prodotti consigliati inserisce sicuramente Biofreeze®

Biofreeze® è un innovativo prodotto che allevia il dolore grazie alle proprietà terapeutiche della Crioterapia.

  • Fornisce un immediato ed efficace sollievo dal dolore in caso di dolori muscolari, artriti, dolori alla schiena, alle spalle e al collo, alle articolazioni del ginocchio, della caviglia, delle anche e del gomito
  • Aiuta a trattare il dolore associato a malattie come neuropatia diabetica, tendinite, borsite, fascite plantare
  • Prima dell’attività sportiva permette un movimento fluido e previene il dolore dopo l’attività sportiva riduce l’indolenzimento
  • Riduce la temperatura cutanea e l’infiammazione e permette un veloce recupero dal dolore

Cos’è Biofreeze

Biofreeze® Pain Reliever è l’antidolorifico locale più utilizzato ed è il prodotto più consigliato dagli Specialisti in Chiropratica e Medicina Podiatrica, Fisioterapisti e Massofìsioterapisti negli Stati Uniti.
Grazie all’alcol isopropilico come ingrediente attivo, Biofreeze® penetra rapidamente, alleviando il dolore attraverso la terapia del freddo. La formulazione alleviante, unica e rinfrescante, offre immediato ed efficace sollievo dal dolore in caso di muscoli indolenziti, distorsioni e tensioni muscolari, dolori alla schiena, alle spalle e al collo, alle articolazioni del ginocchio, della caviglia, delle anche e del gomito.

 

L’azione di Biofreeze

• Fornisce un efficace sollievo in caso di infiammazioni e stiramenti muscolari.
• Aiuta a trattare il dolore associato a malattie come neuropatia diabetica, tendinite, borsite, fascite plantare.
• Prima dell’attività sportiva, permette un movimento fluido e previene il dolore e dopo l’attività sportiva riduce l’indolenzimento.
• Riduce la temperatura cutanea e l’infiammazione e permette un veloce recupero dal dolore

  • Effetto immediato
  • Non è un farmaco
  • Contiene principi naturali
  • Adatto al massaggio
  • Ha un buon profumo
  • Non macchia e non unge
  • Dona una sensazione di freschezza
  • Per bambini dai 2 anni

Materasso Ortopedico

Se alla vigilia non si dorme, Babbo Natale non può consegnare i suoi regali!

 

Per dormire bene e comodamente la scelta del materasso è fondamentale.

 

Ortocenter – Ortopedia Napoli ti saprà consigliare il materasso ortopedico giusto per prendersi cura del tuo sonno e quello dei tuoi cari.

 

Un perfetto regalo di Natale!

 

Vieni a trovarci nelle sedi Ortocenter – Ortopedia Napoli per un Natale all’insegna del benessere e del meritato riposo.

 

 

TUTORI PER GINOCCHIO: Quando è necessario indossarli e quali sono i benefici.

Durante una lunga passeggiata, una faticosa partita a tennis o anche dopo un infortunio, un adeguato tutore per ginocchio può aiutare con il supporto necessario.

I legamenti e i muscoli del ginocchio vengono messi a dura prova a causa dei ripetuti salti, movimenti laterali o arresti improvvisi, per questo può essere necessario se l’articolazione è troppo debole o se è chiamata a svolgere un’attività più intensa rispetto alla sua capacità di resistenza, l’utilizzo di un tutore .

Questi supporti non sono utilizzati solo quando lo richiede una specifica patologia, ma trovano applicazione anche in ambito sportivo, per stabilizzare e supportare il ginocchio.

I tutori per ginocchio per uso sportivo sono studiati con un design specifico per ogni esigenza e si adattano all’utilizzo e all’applicazione di qualsiasi sport,  In commercio si trovano anche modelli che si prestano ad essere indossati sotto la tuta da sci e garantiscono sicurezza nei movimenti tra uno slalom e l’altro.

A seconda delle esigenze e della funzione, per uso preventivo o a seguito di un infortunio, sono consigliati diversi tipo di tutori.

tutori preventivi sono ginocchiere poco strutturate, di un materiale molto morbido, applicano una compressione moderata e sono ideali per la ripresa delle attività fisica e per tenere sotto controllo la posizione del ginocchio. Migliorano la resistenza muscolare, proteggono le ginocchia, offrono sollievo dal dolore e un sostegno moderato.

Nel processo riabilitativo invece, un tutore può essere necessario durante la guarigione: con il sostegno di un tutore al ginocchio è possibile camminare con un bastone o un deambulatore, facilitando la convalescenza, piuttosto che usare le stampelle o una sedia a rotelle.

La ginocchiera può essere impiegata per alleviare o prevenire il dolore al ginocchio e aiutare con il recupero della regolare attività dell’articolazione.

Vieni a scoprire tutta la gamma di prodotti disponibili da Ortocenter e fatti consigliare dal nostro staff di esperti per trovare il tutore più adatto a te.

L’Imaging 3D della spalla, dall’anatomia alla protesi

L’Imaging 3D della spalla, dall’anatomia alla protesi

Il giorno venerdì 8 marzo 2019 a partire dalle ore 8.45 il convegno “L’Imaging 3D della spalla, dall’anatomia alla protesi”.

Evento accreditato per tsrm, medici e fisioterapisti, si svolgerà presso la clinica ‘Mediterranea’ .

“Il complesso articolare della spalla è sede di importanti e molto frequenti quadri fisiopatologici che comprendono la spalla traumatica, la spalla degenerativa e la spalla instabile. Per un corretto trattamento è fondamentale individuare e richiedere al paziente il più corretto esame diagnostico.

Il formidabile sviluppo e perfezionamento delle modalità di imaging ha fornito un importante contributo allo studio delle patologie della spalla, consentendo di formulare una diagnosi con buona accuratezza e di pianificare il più corretto iter  terapeutico.

Inoltre, è di fondamentale importanza il continuo confronto tra il radiologo e l’ortopedico, tra l’esame clinico e quello strumentale.

Purtroppo attualmente si utilizzano tecniche di valutazione basate su calcoli e metodologie bidimensionali mentre il difetto o danno osseo è per sua natura tridimensionale .

Inoltre le attuali procedure di calcolo bidimensionale sono affette da elevata manualità e interpretazione personale che devono e possono essere superate adottando quantificazioni 3D.

Nel convegno verrà dato ampio spazio ai software 3D e a questa nuova metodologia di diagnosi evidenziando da un lato i vantaggi in termini di velocità e qualità con cui si possono ottenere i risultati e dall’altro le possibilità di utilizzo nel campo della realtà virtuale.”

Ginocchio: anatomia e disturbi più frequenti.

Ortocenter offre una vasta gamma di supporti e tutori per ginocchio di alta qualità, che trovano applicazione sia a seguito di un infortunio sia durante attività sportive, ma quali sono le ragioni e le principali cause del dolore ?

Per conoscere la risposta dobbiamo innanzitutto comprendere l’anatomia ginocchio , l’articolazione più complessa e ampia del nostro corpo.

Il ginocchio collega la coscia e il polpaccio, ed è fondamentalmente formato da: Tre ossa, il femore, la tibia, e la rotula, i legamenti, che rendono stabile l’articolazione, i menischi che fungono da ammortizzatori tra le due ossa principali, e i muscoli, quadricipite d’avanti  e il bicipite femorale dietro.

Proprio per la sua complessa struttura anatomica, i disturbi a carico del ginocchio sono numerosissimi.

Il disturbo più comune che interessa il ginocchio è l’artrite. L’Artrite è un’infiammazione delle articolazioni e si manifesta in tantissime forme diverse. Le lesioni al ginocchio, soprattutto in giovane età, si possono manifestare a seguito di un trauma o di movimenti improvvisi che lo forzano oltre il suo ambito di movimento normale. In altri casi si sviluppano progressivamente delle lesioni camminando in modo scorretto, ad esempio a causa di problemi al femore o ai piedi, compromettendo negativamente l’allineamento delle ginocchia.

I problemi possono infine essere causati dal normale logorio dovuto all’età. Le articolazioni, più o meno come gli pneumatici, si consumano con il passare del tempo.

A seconda della causa che l’ha determinato, il dolore al ginocchio potrebbe manifestarsi insieme ad altri sintomi. In caso di artrosi per esempio il ginocchio potrebbe essere gonfio rosso e caldo, a causa del processo infiammatorio in corso. Lo stesso potrebbe accadere dopo un lieve trauma, mentre a seguito di un trauma più importante è comune una rapida comparsa di ematoma.

In tutti casi è fondamentale contattare un dottore se il dolore nel ginocchio è persistente e invalidante.

Ortocenter consiglia di prendersi sempre cura delle articolazioni mantenendo il peso sotto controllo e praticando regolarmente attività fisica a basso impatto, come nuoto, camminata, yoga e tai chi, per aumentare l’elasticità e l’ossigenazione. Inoltre un adeguato tutore per ginocchio può aiutarti con il supporto necessario a proteggere l’articolazione anche da sforzi più intensi.

 

Cuscino ortopedico

Ortocenter – Ortopedia Napoli consiglia tanto buon riposo.

E per dormire bene non c’è niente di meglio del cuscino ortopedico che possa accompagnarvi in un sonno più riposante.

Spesso tendiamo a sottovalutare l’importanza del sonno, il nostro benessere invece deriva in buona parte da questo.

Molti dolori possono essere causati, se non acuiti, da un sonno disturbato e non riposante. Molto importante sarebbe curare la nostra posizione e avere una corretta postura anche mentre si dorme.

E’ per questo che Ortocenter – Ortopedia Napoli suggerisce un cuscino ortopedico da impachettare sotto l’albero.

Vieni a trovarci presso uno dei nostri punti vendita e sapremo guidarti nella scelta del cuscino ortopedico giusto da regalare.

Ti aspettiamo!

I difetti del Piede nel bambino

Oggi con Ortocenter- Ortopedia Napoli affrontiamo il problema di alcuni difetti di appoggio del piede nei bambini.

Molto importante è osservare, tenere sotto controllo ed eventualmente correggere l’appoggio dei piedi durante la crescita del bambino.

Potrebbero tendere ad appoggiare i piedi in modo scorretto con il rischio di farla diventare un’abitudine.

Come già abbiamo visto in qualche altro caso, l’appoggio del piede può essere condizionante per tutta la postura e portare quindi altri tipi di problemi, riflettendosi su gambe, ginocchia, schiena, ed in generale su tutto l’organismo.

 

 

Tra i problemi del piede più frequenti nei bambini troviamo:

Sindrome del piede piatto – nel caso in cui manchi una curvatura normale della pianta del piede;

– Piede varo – si riconosce perché il bambino tende a camminare, appoggiando la parte interna del tallone;

– Piede valgo – il bimbo cammina appoggiando il piede verso l’interno della caviglia;

– Piede equino – si verifica quando il bambino cammina sulla punta dei piedi;

– Piede torto – è di solito un difetto congenito, che si traduce in un appoggio el tutto anormale del piede durante il cammino.

Le patologie del piede nei più piccini possono essere congenite o svilupparsi gradualmente durante la crescita.

 

E’ bene individuare quanto prima questi problemi, per intervenire e correggerli prontamente, attraverso l’utilizzo di plantari ortopedici o scarpe ortopediche corrive, eseguendo esercizi posturali specifici.

In casi più gravi, o in quelli di patologie congenite spesso si ricorre anche alla chirurgia.

Indipendentemente da patologie o deformità evidenti alla nascita, l’età giusta per una valutazione ortopedica è tra i 6 e gli 8 anni.

 

Consigliabile e fondamentale è l’utilizzo di plantari ortopedici specifici, che hanno un ruolo preventivo importante per le malattie del piede, ed anche per quelle patologie a cui i più piccoli sono più esposti, come micosi, verruche, piede d’atleta, o unghie incarnite.

Ortocenter – Ortopedia Napoli  si mette a disposizione dei genitori per un consulto professionale e consiglia ai propri clienti solo prodotti di alta qualità. Vi aspettiamo presso le nostre sedi in Napoli e Pozzuoli.

La scelta della professionalità e della qualità è ciò che fa la differenza in questi casi e Ortocenter fa di questo principio un vero e proprio credo.

 

FLEBOLOGIA EMODINAMICA AVANZATA

Il 22 e 23 novembre 2018 abbiamo avuto il piacere di partecipare all’evento

FLEBOLOGIA EMODINAMICA AVANZATA: L’esperienza di nuove metodologie per una più accurata diagnosi orientata ad una terapia più efficace, patrocinato dalla Scuola di Specializzazione in Chirurgia Vascolare dell’Università di Napoli Federico II – coordinatore prof. Marcello Umberto Bracale.

 

“Negli ultimi decenni, grazie agli studi di Claude Franceschi, abbiamo assistito all’avvio di una grande rivoluzione nel modo di affrontare le malattie venose con i progressi ottenuti nella conoscenza dei meccanismi fisiopatologici che portano alle manifestazioni patologiche tipiche delle insufficienze venose.

Il progresso tecnologico ha permesso grazie all’uso del doppler ad onda continua dalla fine degli anni 60 e dell’Ecocolordoppler dagli anni 80, ha consentito una crescita esponenziale delle conoscenze e consentito di capire meglio la fisiopatologia venosa, rivalutando le esperienze pionieristiche frutto della intuizione e della esperienza di Friedrich Trendelenburg e di Georg Perthes.

Si è passati dalla fase dell’accrescimento delle conoscenze con comprensione dei meccanismi fisiopatologici delle insufficienze venose, alla elaborazione di strategie terapeutiche emodinamiche conservative rispettose del patrimonio safenico e finalizzate alla conservazione delle capacità di drenaggio dei tessuti, avendo di seguito la positiva verifica scientifica di rigorosi studi randomizzati eseguiti secondo le regole della medicina della evidenza.

Lo sviluppo di queste conoscenze, basate sull’emodinamica, hanno portato ad un approccio alle patologie conseguenti all’insufficienza venosa che ricerca e distingue le cause dagli effetti, in una interdipendenza tra emodinamica, fisiopatologia, diagnostica e cura. Le nuove conoscenze disponibili e l’evoluzione degli strumenti a disposizione aiutano certamente il lavoro del medico ma lo impegnano anche nella responsabilità di addivenire ad una diagnosi più accurata e dettagliata a supporto di una proposta e di una scelta terapeutica più efficace.

La diagnostica emodinamica con Ecocolordoppler è diventata quindi il mezzo imprescindibile per leggere e valutare con precisione il comportamento normale e patologico del sistema venoso, e per realizzare una mappatura cartografica che consenta una proposta terapeutica “ad personam”.

La capacità di usare al meglio gli strumenti messi a disposizione della tecnologia dipende dalla conoscenza di chi le usa, ed in questo caso, dalla profonda conoscenza delle basi fisiopatologiche, e pertanto della emodinamica.
Questo corso nasce da esperienze ultradecennali di buona pratica e di successo diagnostico e terapeutico.

Partendo dalle più avanzate nozioni di emodinamica e fisiopatologia del sistema venoso, si propone un approfondimento della conoscenza dell’indagine Ecocolordoppler finalizzata alla stesura della cartografia emodinamica, strumento indispensabile per approntare poi la strategia terapeutica più coerente, consapevole ed efficace possibile.

Il corso, perfezionando le indicazioni sulla diagnostica Ecocolordoppler risulterà utile non solo a chi si vuole avvicinare ai trattamenti emodinamici ma anche a chi ritiene più opportuno terapie non conservative al fine di evitare comunque errori terapeutici o effettuare trattamenti più mirati e meno demolitivi.”